Al via l’edizione 2015 dei Festival targati ARCI in Puglia.
Tredici esperienze, che toccano tutte le sei province pugliesi, durante le quali la musica dal vivo incontra il teatro, la ricerca culturale, l’enogastronomia, lo sport.
La memoria, la donna, la tutela del territorio, le radici, sono solo alcuni dei temi che caratterizzeranno gli eventi del cartellone dei Circoli Arci.
Culture dal basso, le definisce il Presidente Regionale ARCI della Puglia Davide Giove che afferma: “I nostri Circoli confermano la straordinaria capacità di compiere anche nel 2015 una difficilissima, funambolica alchimia: coniugare solidi indirizzi di direzione artistica con il coinvolgimento di tant* cittadin* nell’ideazione, nell’organizzazione e nella realizzazione di un cartellone di cui essere orgogliosi. Nell’epoca dei tagli, nessuno riesce a tagliarci l’entusiasmo!”.

Tanti gli artisti coinvolti a partire dal 18 luglio con la V edizione di Saperi e Sapori di Valenzano sino al VI Murgiafest di settembre a Santeramo, tra cui U’ Papun, Marzia Stano, Le rivoltelle, Roberto Dellera, Tricarico, il Pan del Diavolo, A Toys Orchestra.
“Non presentiamo degli eventi episodici - spiega il Responsabile Cultura di ARCI Puglia, Giampiero Tortora - ma un cartellone realizzato da chi si mette in gioco con continuità negli anni e durante tutto l’anno. Spesso questi festival sono la punta di diamante di un percorso che coinvolge i nostri tesserati da un’edizione all’altra”.
Se per la Notte della Rivolta di Sava sarà la prima edizione, Torre dei Giganti a Monte Sant’Angelo giunge alla XIX; le Strade del Griko invadono per la decima volta la grecìa salentina, così come Térre de U’ Munachicchie di Ginosa, che quest’anno si gemella con i comuni di Tricarico e Aliano e con l’Arci della Basilicata attraverso le figure di Scotellaro, Levi e De Martino. Dal fumetto protagonista al Comix di Crispiano al Rock di Gioia del Colle, dagli spazi del Salento Fun Park di Mesagne alle strade e alle piazze di Cchiù Fa Notte e cchiù fa forte di San Marco in Lamis, dalle Distorsioni Sonore di Acquaviva delle Fonti alle Visioni Collettive di Palagianello, passando per l’immancabile Festa della Musica di Barletta ci sarà tutto ciò di cui c’è bisogno per un’estate di cultura, aggregazione e tutela del diritto statutariamente molto importante per ARCI: il diritto alla felicità!