ARCI 12fotoinvecchiatafotoinvecchiata 82c2e

Quanto accaduto nell’aprile del 2016 a Cellino San Marco – un piccolo comune della provincia di Brindisi – è in netta controtendenza rispetto ad un contesto storico in cui individualismo e precarietà regnano sovrani.

Nella primavera dello scorso anno, infatti, una comunità intera sceglie di unirsi e aggregarsi attorno all’idea di un nuovo circolo Arci impegnato socialmente nel rilancio di attività culturali e ricreative pensate per i più grandi e i più piccoli. Abbiamo lasciato raccontare questa storia a Stefano Saracino – presidente dell’associazione ARCI Roots – in occasione del primo articolo scritto per la rassegna “RaccontARCI” ideata da ARCI Brindisi per valorizzare e promuovere i propri circoli.

“Tutto il paese ha contribuito come poteva mettendo a disposizione risorse, mezzi ed impegno e, insieme ai tanti volontari, in poco tempo siamo riusciti a ristrutturare e inaugurare la nostra sede operativa. Un percorso fatto insieme per dar vita ad ARCI Roots, una nuova associazione culturale no profit.”

L’obiettivo dichiarato è quello di riuscire ad aggregare chi vive quotidianamente la realtà di Cellino San Marco offrendo un punto di ritrovo e aggregazione attraverso eventi ricreativi, sociali, culturali e artistici.

“Dal mese di maggio proponiamo corsi sia per i bambini che per gli adulti (corsi di musica, di scrittura creativa, per la lingua inglese, di beatmaking e workshop di danza) e vogliamo, attraverso questi momenti, prevenire e combattere ogni forma di discriminazione operando soprattutto nei punti più disagiati e dismessi del paese.”

Per raggiungere il risultato sperato tutti i soci hanno ideato e promosso anche un cineforum utile per approfondire, attraverso film e documentari, temi attuali e significativi generando momenti di discussione su bullismo, parità di genere, immigrazione ed accoglienza, antirazzismo e antimafia.

Un’altra iniziativa alla quale siamo particolarmente legati - promossa insieme al circo La Factory di San Pietro Vernotico - è ScampagnARCI, evento mirato alla sensibilizzazione dei nostri concittadini sull’abbandono dei rifiuti nelle campagne. Durante una delle ultime giornate di maggio, abbiamo ripulito interamente le zone più inquinate delle campagne grazie alla partecipazione di molti soci e volontari. Un esperimento che proveremo sicuramente a riproporre.”

ARCI Roots è anche street art e riqualificazione urbana e infatti Stefano racconta i dettagli relativi alla rivalutazione del palazzetto dello sport promossa grazie al comune di Cellino San Marco nel settembre del 2016:

“Abbiamo organizzato un grande evento dedicato interamente alle quattro discipline dell’hip-hop in cui i Writers di diverse crew importanti della zona hanno rimesso a nuovo due facciate del nostro Palazzetto grazie alla loro arte. In perfetto stile ARCI Roots, Bboys, Mc’s e Djs hanno intrattenuto il pubblico per l’intero pomeriggio fino a sera. Ad oggi, questa è sicuramente una delle iniziative più coinvolgenti ideate e realizzate a Cellino”

Gli eventi fatti sono tanti ma i progetti da realizzare sono ancora più ambiziosi:

“Durante questo intenso anno nel nostro circolo abbiamo cercato anche di far esibire tantissimi artisti della zona, djs e band, che hanno portato la loro musica a casa nostra dandoci la possibilità di creare situazioni di divertimento assoluto e che hanno raccolto un pubblico proveniente dall’intera provincia, ma anche da fuori. Il nostro impegno non può che essere quello di continuare a migliorare creando sempre più momenti di condivisione al fine di promuovere l’arte e la cultura partendo dal nostro piccolo paese.”

Nicola Giulivo intervista a Stefano Saracino