BANDO DI PARTECIPAZIONE

Informazioni generali

Bjcem e il Comune di Milano promuovono Mediterranea XVII Biennale Giovani Artisti, un evento internazionale multidisciplinare che si svolgerà a Milano, Italia, presso la Fabbrica del Vapore, Via Procaccini 4, dal 22 al 25 ottobre 2015, e che prevede la partecipazione di oltre 300 artisti. Nata nel 1985, la Biennale si svolge ogni due anni in una città diversa del Mediterraneo, concentrandosi su giovani artisti e creatori. La Bjcem è una rete internazionale con più di 70 membri e partner provenienti da Europa, Medio Oriente e Africa, che, con il loro sostegno, rendono possibile l’evento stesso garantendo la partecipazione degli artisti provenienti dai territori da essi rappresentati. ARCI Puglia e ARCI Bari membri della Bjcem, invitano a partecipare al bando di selezione, gli artisti visivi, scrittori e cuochi di età inferiore ai 35 anni (nati entro il 31 dicembre 1980) che lavorano, studiano, sono nati o vivono in Puglia. La selezione riguarderà le sezioni Musica – Letteratura – Cinema – Arti visive –  Arti applicate .

Gli artisti devono presentare un progetto specifico in relazione al tema di questa edizione. La partecipazione al bando è gratuita e aperta a tutti, senza distinzioni di sesso, religione, comportamenti sociali e politici. Gli artisti che abbiano partecipato a più di una edizione precedente non possono partecipare; verrà data priorità agli artisti che non abbiano mai partecipato alla manifestazione.

La composizione della Commissione giudicatrice, il cui giudizio è insindacabile, sarà resa nota sul sito internet www.arcipuglia.org .

ñNell’area Musica - selezione Puglia si possono presentare: composizioni e produzioni musicali originari di qualsiasi genere (Rock, Pop, Jazz, Folk/Etno, Contemporanea, ed altri generi non inclusi in questo elenco)

ñNell’area Letteratura - selezione Puglia si possono presentare romanzi, saggi, poesie, poesie sonore, racconti brevi, novelle. Si ammettono testi originali e inediti senza limitazioni tecniche o di contesto narrativo.

ñNell’area Cinema/Video - selezione Puglia si possono presentare cortometraggi, mediometraggi, documentari e film di animazione.

ñNell’area Arti Visive  - selezione Puglia vengono prese in considerazione tutte le forme di espressione visiva, realizzate con strumenti tradizionali o innovativi, digitali o analogici. In particolare possono essere presentate opere di pittura, scultura, incisione, fotografia, fumetto, video-art; installazioni; interventi di arte pubblica; progetti web e mixed media.

ñNell’area Arti Applicate - selezione Puglia vengono prese in considerazione le seguenti discipline:

Architettura

Si accettano progetti di edifici, locali, spazi pubblici e privati, lavori concettuali, realizzati e non. Per la selezione si richiede di presentare tavole del progetto, planimetrie e fotografie dell’eventuale plastico, e la descrizione del progetto (massimo una cartella).

Industrial Design

Si ammettono oggetti di produzione industriale e artigianale (mobili, accessori, prodotti di uso domestico, bigiotteria e gioielleria). Per la selezione presentare fotografie di almeno 3/5 lavori con una descrizione per ogni oggetto presentato (massimo 10 righe) precisando cognome e nome dell’autore, dimensioni dell’opera, tecniche di realizzazione, anno di esecuzione e titolo.

Visual Design

Si ammettono progetti grafici e visivi finalizzati alla comunicazione. Per la selezione presentare da 3 a 5 lavori: ogni progetto dovrà essere documentato in originale o a stampa, ovvero in fotografia, corredato da una relazione (massimo 10 righe). Sul retro di ogni fotografia o riproduzione dovranno essere precisati cognome e nome dell’autore, dimensioni dell’opera, tecniche di realizzazione, anno di esecuzione, titolo.

Web Design

Si ammettono progetti grafici, visivi e sonori finalizzati alla comunicazione in rete. Per la selezione presentare il progetto (massimo 10 cartelle), corredato di strumenti illustrativi.

Moda

Si ammettono modelli originali, con eventuali accessori. Possono essere presentate collezioni Primavera/Estate o Autunno/Inverno.

Per la selezione presentare disegni, bozzetti, fotografie a colori dei capi, illustrazione dei tessuti e degli accessori e documentazione di precedenti creazioni.

I modelli saranno presentati in mostra e in sessioni dedicate agli esperti del settore con modalità da definirsi.

Creazione digitale

Si ammettono lavori originali realizzati con l’utilizzo di più tecnologie differenti. Per la selezione presentare un progetto (massimo 10 cartelle) corredato di strumenti illustrativi.

Interventi performativi all’interno degli spazi espositivi.

I lavori devono essere presentati per l’inserimento in una esibizione collettiva, non sarà quindi consentito richiedere condizioni adatte ad esposizioni individuali. I lavori non dovranno superare i 4 metri lineari o occupare una superficie superiore a 2x2m.

Per la selezione inviare a mezzo posta il materiale (foto e/o i video) su chiavetta USB o DVD  avendo cura di precisare cognome e nome dell’autore (eventuale cast tecnico e artistico), formato dell’opera, anno di realizzazione, titolo (eventuale produzione e distribuzione), (eventuali partecipazioni a rassegne e festival di settore)

Il termine per la presentazione della candidatura è il 15 marzo 2015 (fa fede il timbro postale)

I lavori non dovranno superare i 4 metri lineari o occupare una superficie superiore a 2x2m.

La selezione dei partecipanti verrà effettuata da una giuria locale formate da esperti nelle differenti discipline artistiche che sceglieranno i vincitori sulla base dei materiali presentati. La loro decisione è definitiva e non soggetta ad appello e sarà documentata in un verbale, che presenterà le ragioni della scelta degli artisti. La coerenza tematica e la qualità del lavoro in rapporto alle linee guida saranno i criteri fondamentali di selezione. In caso di selezione gli artisti saranno invitati a partecipare alla manifestazione ed a presentare il proprio lavoro. La spedizione dei lavori, l'assicurazione, l'allestimento, i viaggi, i costi di vitto e alloggio e il supporto per le richieste di visto verranno forniti rispettivamente dagli enti selezionatori e dall'organizzatore locale. Le modalità di selezione Verranno comunicate al termine della fase di raccolta delle opere.

Non è previsto alcun compenso per gli artisti selezionati.

Come partecipare:

Per partecipare è necessario inviare ad ARCI Puglia (a mezzo posta) chiarificando l'oggetto (ad esempio Arti visive, selezione biennale Puglia: nome progetto)

ñCV e portfolio con i dati personali dell'artista o del gruppo;

ñLa scheda tecnica compilata accuratamente in ogni sua parte in lingua inglese e firmata;

ñI materiali necessari per meglio documentare il lavoro proposto.

La presentazione della candidatura comporta automaticamente l'accettazione integrale del presente regolamento e l'approvazione della riproduzione di immagini o video dei lavori selezionati nei materiali di presentazione e promozione dell'evento o degli artisti selezionati. Il presente bando è disciplinato dalla legge del paese in cui viene inviata la candidatura.

Per scaricare schede e bandi clicca qui!

[N.B. Per le Sezioni Teatro e Fumetto/Illustrazione sarà possibile partecipare alle selezioni nazionali realizzate rispettivamente da ARCI Emilia Romagna e ARCI Nazionale.

TEATRO: ARCI Emilia Romagna

Via Santa Maria Maggiore, 1

40121 Bologna - BO

Tel. 051 260610 - Fax 051 230692 - Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ILLUSTRAZIONE/FUMETTO: ARCI Direzione Nazionale Ufficio Cultura

Via dei Monti di Pietralata, 16

00157 Roma - RM

Tel. 06 41609501 - Fax 06 41609275 - Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.bjcem.org.

Contatti per l'invio e per informazioni:

Arci Puglia e Arci Bari
Selezione Puglia BJCEM
Arci Puglia, Arci Bari - Via Marchese di Montrone 57 - 70122 BARI
Tel: 329.2619124 - Tel 393.9471023 - Info:
www.arcipuglia.org

CONCEPT

NO FOOD’S LAND – il mondo dopo l'EXPO

Il processo del nutrimento prevede uno scambio: qualcosa viene assimilato e consumato per fornire energia a qualcos'altro. Un ciclo che può essere virtuoso o vizioso, a seconda di cosa si decide o si ha l'opportunità di consumare. Anche l'immaginario funziona in questo modo: va nutrito e curato, coltivato, ripulito da ciò che non serve più. Attraverso il nostro lavoro come artisti, noi nutriamo il nostro immaginario e quello delle persone; possiamo farlo emozionare, riflettere, considerare, sentire; possiamo lasciare semi che germoglieranno nel tempo, costituendo il terreno su cui interverranno le generazioni future; possiamo spostare punti di vista, offrire stimoli, suggerire cambiamenti. Da diversi anni a questa parte si parla di alimentazione in termini salutistici: è opportuno farlo anche in senso interiore, invitando alla riflessione su come nutriamo le nostre parti più profonde e invisibili, su come viviamo in balìa delle nostre abitudini non solo in senso pratico ma anche mentale ed emotivo: come Shakespeare insegna, “That monster, custom, / who all sense doth eat, /Of habits devil, is angel yet in this, /That to the use of actions fair and good /He likewise gives a frock or livery, / That aptly is put on” (Hamlet, III, IV). I linguaggi dell'arte sono estremamente efficaci in questa direzione, perché sono sempre scambi tra umani, e spesso si propongono di radunare chi è interiormente vivo e sente il bisogno di questo scambio. E proprio il bisogno ci pone di fronte a delle domande: col nostro lavoro, che immaginario offriamo di coltivare? Cosa offriamo a chi ci guarda? Cosa desideriamo resti in quelle persone? Il nostro processo creativo che effetto sta avendo su di noi? Questa Biennale è una splendida occasione di mostrare lavori innovativi, sviluppati nella direzione di una consapevolezza complessiva del proprio operato artistico, inteso come un processo che si sviluppa prima e dopo l'opera o l'atto performativo; un processo che lascia segni in noi e in chi condivide con noi il tempo e lo spazio del nostro operare.

Concept a cura di Matteo Lanfranchi

Direttore artistico e fondatore di Effetto Larsen

Titolo ideato da Moreno Gentili, Giovanni Maderna, Stefano Giovannoni